pole-danceSi sa, anche in palestra vince la moda. E se in tanti hanno detto addio a aerobica e step, e altrettanti stanno per abbandonare il tanto osannato pilates, nelle palestre quest’anno ci si allenerà con il Pump, Zumba, Pole dance e Striding, oppure con le evoluzioni di alcune discipline orientali come il Qi Gong, e il Jiu jitsu,ora amato nella sua versione brasiliana. 

Resiste lo Spinning, che però non è per tutti, essendo un’attività particolarmente impegnativa. Molti iscritti si indirizzano verso il Pump, una tecnica di fitness ideata in America nel ’98 che si basa sui due principi di equilibrio e progressività. Va poi forte, soprattutto tra le ragazze, la Zumba, lezione di fitness di gruppo che utilizza i ritmi e i movimenti della musica afro-caraibica, mixati con i movimenti tradizionali dell’aerobica.
 
Piace molto anche la Pole dance, tecnica eseguita con l’ausilio di un palo che combina danza e ginnastica, aggiungendo anche un pizzico di malizia e di seduzione. I cultori dell’attività fisica pura, invece, si orientano verso lo Striding, che si rifà come concetto di base allo spinnnig, ma che si pratica su un tapis roulant meccanico e senza motore, invece che la sulla cyclette. 
 

Chi apprezza invece le discipline orientali trova il suo fitness nel Qi Gong, con i suoi esercizi collegati alla medicina tradizionale cinese e in parte alle arti marziali: si praticano insieme la meditazione, la concentrazione mentale e il controllo della respirazione, unita a particolari movimenti di esercizio fisico. Da provare anche lo Jiu  jitsu brasiliano, una variante carioca dell’arte marziale giapponese. 

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Andare in palestra riduce del 33% il rischio di diabete di tipo 2


Tag:, , , , , , , , , ,