ginecologia-300x200Sono sempre di più negli ultimi anni i ginecologi obiettori: a livello nazionale si e’ passati dal 58.7% del 2005, al 69.2% del 2006, al 70.5% del 2007, al 71.5% del 2008, al 70.7% nel 2009 e al 69.3 nel 2010; per gli anestesisti, negli stessi anni, dal 45.7% al 50.8%. 

E’ quanto emerge dalla relazione inviata dal ministro della Salute, Renato Balduzzi ai Presidenti del Senato e della Camera in cui vengono illustrati i dati preliminari per l’anno 2011 e i dati definitivi relativi all’anno 2010 sull’attuazione della legge n. 194 del 1978, che stabilisce norme per la tutela sociale della maternita’ e per l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG).

Percentuali superiori all’ 80% tra i ginecologi si osservano principalmente al sud.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Contraccezione: arriva la pillola dei cinque giorni dopo


Tag:, , , ,