ricerca2Secondo uno studio condotto in Ariziona è possibile diagnosticare una forma del morbo di Alzheimer già a vent’anni, molti anni prima che siano visibili i sintomi.

La ricerca si è svolta su un gruppo di ragazzi, il cui 30% ha presentato una mutazione in un gene chiamato presenilina 1 che rende i soggetti predisposti a contrarre il morbo. Questa scoperta rende possibile curare la malattia prima che l’insorgenza dei sintomi la rendano incurabile.

Eric Reimn dell’Alzheimer Institute spiega: “Queste scoperte suggeriscono che i cambiamenti cerebrali inizino molti anni prima della manifestazione clinica del morbo di Alzheimer e ancora prima della deposizione delle placche amiloidi. Emergono nuove domande sui precoci cambiamenti cerebrali coinvolti nella predisposizione all’Alzheimer e sull’estensione in cui possono essere individuati per future terapie preventive”. 

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-L’Alzheimer si sviluppa più rapidamente nelle donne


Tag:, ,