dormireUna ricerca del Beth Israel Deaconess Medical Center ha analizzato alcune varianti genetiche che influenzano la nostra tendenza a svegliarci sempre a una certa ora oppure la predilezione per la vita notturna. Questi polimorfismi potrebbero influenzare il ritmo quotidiano di vita delle persone e aiutare a determinare anche il momento della giornata in cui la persona, con ogni probabilita’, potrebbe morire.

L’orologio biologico interno regola ogni aspetto della biologia umana e del nostro comportamento, come il picco delle performance cognitive oppure il tempo in cui si preferisce dormire. Questo influenza ancora il momento in cui si possono verificare eventi di salute acuti come ictus oppure un attacco cardiaco”, ha spiegato Andrew Lim, che ha condotto la ricerca.

Gli scienziati hanno coinvolto 1200 persone, di eta’ media 65 anni e in salute. Gli studiosi hanno scoperto che un singolo nucleotide chiamato “Period 1″ variava fra due gruppi di soggetti che avevano differenti comportamenti veglia-sonno. In quel particolare punto del genoma, il 60 per cento degli individui avevano l’adenina e il 40 per cento avevano la guanina. “Questo particolare genotipo influenza il pattern veglia-sonno di praticamente ogni individuo: le persone che hanno il genotipo AA tendono a svegliarsi presto la mattina, esattamente l’opposto di quelle che hanno il genotipo GG”, ha spiegato James Putnam, che ha partecipato allo studio.

Gli scienziati hanno inoltre scoperto, nello studio durato 15 anni, che le persone con il genotipo AA o AG tendevano a morire alle 11 del mattino, come la maggior parte della popolazione, mentre quelle col genotipo GG morivano mediamente poco prima delle 6 del pomeriggio.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Scoperti nel cervello i neuroni-orologio


Tag:, ,