Ebbene si, molte persone di entrambi i sessi hanno la cattiva abitudine di mangiarsi le unghie. Tale vizio viene definito come onicofagia, consistente in un comportamento compulsivo avverso le unghie.

Quali sono i rimedi? Come eliminare simile vizio?

Questi sono i quesiti che tanti di noi si pongono. Non è semplice porre fine a tale debolezza, in quanto mangiarsi le unghie è un problema che in molti casi sorge sin da piccoli, che ci accompagna nell’età adolescenziale e molto spesso anche in età adulta. Tale mania comporta come conseguenze: l’ indebolimento delle unghie, le infezioni alla bocca e al cavo orale per la possibile presenza sulle mani di batteri, uno spiacevole effetto estetico, e allo stesso tempo quindi un disagio per la persona nei rapporti interpersonali. Le cause di questa mania possono essere lo stress, l’ansia, la gestualità. Tra i rimedi più comuni vi è l’utilizzo di uno smalto dall’odore sgradevole, in tal modo si eviterà di portare le mani alla bocca, la ricostruzione quale palliativo in uso tra molte donne al fine di far crescere le proprie, ma comunque non bisogna dimenticare che alla base di queste soluzioni vi deve essere prima di tutto la volontà, la quale, molto spesso, nasce dal desiderio di avere mani belle e curate.

di Ilaria Musetta