Contro la sindrome delle abbuffate compulsive è stata scoperta una cura che possa placare l’ansia della fame.
E’ proprio cosi, molte persone soffrono di questo problema, mangiano in modo sproporzionato, fin quando la voglia di alimentarsi diventa una vera e propria ossessione, una fissazione che induce quindi l’individuo a sfamarsi continuamente senza mai fermarsi.
Se un episodio simile accade in seguito ad un evento, come un litigio, una discussione, o un momento di sconforto, non c’è da preoccuparsi, invece, nel caso in cui si ripeta assiduamente, allora bisogna temere di soffrire di una patologia che comporta una fame incontrollata.
Alcuni esperti hanno scoperto un rimedio contro tale disturbo tale da placare l’istinto della fame, ponendo quindi la parola fine alla sindrome delle abbuffate compulsive, ovvero all’ormone dell’ansia “CRF”.
Tale studio recente è stato effettuato da alcuni scienziati della Boston University e pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology.
E’ stata infatti individuata una molecola antidepressiva, la quale ancora non è in commercio, la cui funzione sarebbe quella di porre rimedio a tale inconveniente, ovvero frenando questa voglia di fame compulsiva, facendo uso di un farmaco che sia antagonista del “CRF” verrebbe posta fine all’ansia dal cibo.
di Ilaria Musetta


Tag:, , , , ,