Il sonnambulismo è un disturbo del sonno, i cui sintomi sono quelli di svolgere attività quotidiane mentre si dorme. A molte persone capita durante il sonno di parlare ad alta voce oltre che sognare, ad altre ancora di camminare per la stanza, oggi invece ci sono individui che fanno altro, ovvero quello di mandare SMS durante la notte fonda senza nemmeno accorgersene, e al mattino si ritrovano a dare spiegazioni alle persone a cui l`sms è stato inviato. Il problema è che non è facile dare delucidazioni nemmeno a se stessi, semplicemente il giorno dopo si ritrovano attività svolte dal proprio cellulare a cui è difficile dare chiarimento. Tale fenomeno prende il nome di sleeptexting e a raccontare di ciò è lo studioso Michael Gelb docente dell’ università di New York, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista The Atlantic. Si tratta di un disturbo che generalmente colpisce adolescenti e giovani adulti che utilizzano il proprio smartphone in modo continuato senza quasi mai allontanarsi da esso, in quanto ormai si può definire come un oggetto che fa parte della propria vita. La generazione di oggi è molto legata al cellulare, manda messaggi in continuazione, pubblica stati, foto e pensieri su Facebook. Gelb individua le cause di questo fenomeno nello stress, nel disturbo del sonno e nell’assunzione di farmaci. Secondo lo studioso per evitare comportamenti imbarazzanti occorre smettere di utilizzare il proprio cellulare almeno 30 minuti prima di andare a dormire.
di Ilaria Musetta


Tag:, , ,