Molte persone sono stressate dal lavoro, e molto spesso a causare ciò sono le troppe ore di attività, le molestie da parte dei superiori, il bullismo, la mancanza di collaborazione da parte dei colleghi, i ritmi pressanti, e ciò porta a giornate di lavoro perse. Il problema colpisce quasi una persona su quattro, e il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi prevede che il costo è pari a 25 miliardi, e tale studio ha portato alla pubblicazione del volume “ Rischio stress lavoro correlato ”. Oggi ad influire su tale condizione è anche la situazione di precariato, la paura di perdere il posto di lavoro causa ansia per i lavoratori, i quali sono preoccupati per il loro avvenire, per le spese da affrontare. Ma vi è anche l’ansia di prestazione che in particolare sorge dalla competizione con altri colleghi che aspirano ad un posto più in alto, la paura di non saper ben svolgere il lavoro incaricato, la preoccupazione di sbagliare, tutte queste ansie causano problemi non solo psichici ma anche fisici. In Italia si è cercato di dare la giusta importanza a tale situazione, la nostra legislazione è all’avanguardia nel prevenire il problema, infatti le aziende devono cercare di valutare lo stress causato e in qualche modo correlato al lavoro.
di Ilaria Musetta


Tag:, ,