Il Carnevale è alle porte e per strada si vedono già sfilare i bambini mascherati dai personaggi dei cartoni animati che più amano. Ma alle volte non sempre i più piccoli capiscono il significato di questa festa, di questo evento, infatti, sono in tanti a rifiutare di indossare questi abiti fiabeschi, forse perché guardandosi allo specchio non accettano di apparire in quel modo, con quel travestimento che ai loro occhi può essere buffo. C’è chi appare infastidito e turbato dalla maschera, forse perché ancora non comprende il distacco che esiste tra finzione e realtà. Addirittura questa festa può essere avvertita come causa di un forte disagio. Forse compito del genitore potrebbe essere quello di far credere al bambino che è un gioco, e che durante il periodo del Carnevale è possibile camuffarsi nelle vesti del personaggio del cartone animato o della fiaba che più si ama o si desidera. Il consiglio è quello di non insistere, in quanto ciò potrebbe comportare un sacrificio per il bambino rischiando di farlo patire. Si sa, desiderio del genitore è quello di vederlo travestito di quei vestitini tanto carini! I più grandi invece mostrano un grande entusiasmo per il Carnevale, consapevoli che per questa festa possono travestirsi dal protagonista o eroe del fumetto o cartone animato che aspirano.
di Ilaria Musetta


Tag:, , , , , , ,