Un recente studio, pubblicato sulla rivista Natural Genetics, ha mostrato che l’obesità è possibile riconoscerla dalla saliva, pertanto è in questo modo che si può giungere alla realizzazione di determinati trattamenti idonei e specifici per il caso in questione. Precisamente, per comprendere al meglio il problema, è l’insufficienza di un gene preposto alla digestione degli zuccheri a comportare l’obesità. Sono stati ben 6200 le persone sottoposte all’analisi di tale ricerca, che ha dato prova della correlazione esistente tra l’aumento dell’ indice di massa corporea, riduzione dell’amilasi salivare e aumento del peso. Il sovrappeso è legato a motivi di familiarità e predisposizione genetica, ma soprattutto alla digestione e alla masticazione degli alimenti.
di Ilaria Musetta


Tag:, , , , , ,