Il Dott. Hunter Doherty più conosciuto come Patch Adams in questi giorni ha fatto visita ai bambini del Policlinico Agostino Gemelli. L’inventore della clown terapia, ha spiegato come l’inizio della sua carriera è stato duro e come è  sempre stato visto con scetticismo la sua terapia del sorriso, che resta, ancora oggi,  uno strumento valido per combattere i mali dei bambini e per infondere il buon umore e magari stimolare una reazione. Ha parlato della casa-ospedale gratuita negli Stati Uniti, tra il 1971 e il 1983. “Siamo stati per 12 anni l’ospedale più pazzerello della storia- ha ricordato Patch Adams – non c’era affatto privacy e a coloro che soffrivano di patologie psichiatriche non venivano somministrati psicofarmaci. Cercavamo semplicemente di rendere tutto divertente e di dare amore: il mio abbraccio più lungo e’ durato 12 ore“. Inoltre ha affermato di “sentirsi un privilegiato per il fatto di andare verso la sofferenza portando amore“, ha ricordato di aver “accompagnato alla morte circa 10mila persone” e nonostante tutto di non credere “che entrare in contatto con il dolore renda più forti”.


Tag:, , ,