La silifide,  malattia che si trasmette durante i rapporti sessuali senza protezione, torna a far parlare di sè. Infatti, anche se poteva sembrare sconfitta torna all’assalto con 15mila casi in Italia in vent’anni. Questo perchè la sifilide favorisce  il rischio di infezione da Hiv fino a sette volte. Lo studio è stato condotto dall‘Istituto San Gallicano di Roma e Aldo Di Carlo, ovvero il direttore scientifico del San Gallicano che ha affermato: «è stata valutata la probabilità di acquisire l’infezione da Hiv in una popolazione di circa 2.000 maschi a rischio (Msm, maschi che fanno sesso con maschi), dimostrando come tra il 2001 e il 2009 si sia verificato un incremento dell’incidenza dell’infezione mai registrato dal 1985. Tale incremento di rischio si è riscontrato soprattutto tra i più giovani e tra coloro che nel periodo di osservazione avevano contratto infezioni sessualmente trasmesse (Ist), come la sifilide o la gonorrea.” Si deduce che bisogna sempre usare una protezione  e il preservativo rimane la soluzione più economica ed efficace.


Tag:, , ,