Un caloroso e utilissimo consiglio lanciato dagli specialisti della Simit, Societa’ Italiana Malattie Infettive e Tropicali, per chi sceglie mete estere in prossimità delle vacanze , è di fare attenzione alle zanzare, all’acqua, agli animali selvatici e ai rapporti sessuali, canali principali per le malattie infettive. Inoltre, ricordano che ”In gran parte dell’Africa sub-Sahariana, la malaria trasmessa di sera e di notte dalle zanzare Anopheles rimane il pericolo principale da prevenire adeguatamente, anche mediante la assunzione di opportuni farmaci profilattici, per le conseguenze potenzialmente mortali che comporta. Sempre le zanzare, questa volta del tipo Aedes a puntura diurna, sono invece responsabili della trasmissione del virus Chikungunya e del virus dengue. La prevenzione di queste infezioni, in assenza di farmaci o vaccini efficaci, rimane affidata alla prevenzione della puntura della zanzara”. Massimo Andreoni, Presidente Simit, Societa’ Italiana Malattie Infettive e Tropicali ricorda i rischi dell’acqua e degli alimenti, che possono causare anche patologie gravi quali la amebiasi e la epatite virale A e di proteggersi sempre nei rapporti sessuali occasionali per prevenire infezione da HIV e la epatite virale B, oltre alle classiche malattie veneree”. Francesco Castelli, Presidente Simet, Societa’ Italiana di Medicina Tropicale ricorda l’ Ebola, che ancora colpisce la Sierra Leone, Liberia e la Guinea Conakry, zone turisticamente frequentate e quella di virus Chikungunya che da ottobre 2013 colpisce alcune isole caraibiche. Infine, il Prof. Andreoni dal Policlinico universitario di Tor Vergata a Roma ricorda, che è importante pianificarlo bene il viaggio, con tutte le precauzione sanitarie adatte, oltre alla stipula di  un’ assicurazione sanitaria per le cure eventuali e necessarie nel paese di destinazione.


Tag:, , , , ,