Si è scoperto finalmente il processo di nascita dell’Alzheimer, una malattia che  colpisce 44 milioni di persone nel mondo e che le statistiche affermano che nel 2050 questo numero potrebbe raddoppiare. Il merito è di un team italiano di medici dell l’Istituto Europeo per la ricerca del cervello creato dal premio nobel per la medicina Rita levi Montalcini, che ha condotto la ricerca su un criceto malato notando che le proteine beta-amiloidi, formate da dna, che nascono all’interno della cellula celebrale, vengono poi espulse dalla stessa, formando al suo posto delle placche che si accumulano sempre più: da qui l’origine dell”Alzheimer. Quindi la nascita della malattia sta proprio nell’espulsione delle proteine e si sta lavorando proprio su questo processo. Infatti, gli scienziati in proposito avrebbero già individuato degli anticorpi attivi in grado di eliminare solo le molecole tossiche. I primi test in vitro sono risultati positivi con ottime prospettive  per una terapia efficace a contrastare il morbo dell’Alzheimer.


Tag:, , , , ,