Anche se piccoli alla nascita il loro sistema immunitario è robusto ed è molto spesso sottovalutato. Infatti, secondo un recente studio del King’s College di Londra, i neonati non nascono privi di anticorpi, anzi sono equipaggiati al meglio contro il mondo dei batteri. Il  merito  è dei loro linfociti T, gruppo di leucociti appartenenti alla famiglia dei linfociti, fondamentali per l’ immunità cellulo-mediata (vale a dire una risposta del sistema immunitario senza l’attivazione di anticorpi), infatti questi producendo la proteina interleuchina-8 (IL-8), favoriscono i processi infiammatori contro le  infezioni batteriche. Quindi il loro sistema immunitario funziona in modo diverso rispetto ad un adulto, ma serve a proteggerli. Lo studio è stato eseguito su  28 campioni di sangue di neonati prematuri, riscontrando che i linfociti T contrariamente a quanto ritenuto finora, non sono immuno-depressi, ma funzionano attraverso un meccanismo prima poco chiaro, già durante la gravidanza. Dr Deena Gibbons, autore principale dello studio e ricercatrice del Dipartimento di Immunobiologia, dice: “Abbiamo scoperto che i bambini hanno un meccanismo di difesa anti-batterica che funziona in modo diverso per gli adulti, ma comunque può essere efficace nel proteggerli. Questo può anche essere un meccanismo attraverso il quale il bambino si protegge nel grembo materno dalle infezioni della madre. La prossima tappa del nostro lavoro sarà quella di comprendere meglio i meccanismi che portano le cellule immunitarie dei neonati a essere così diverse da quelli degli adulti”.


Tag:, , , , ,