Sono ben 80mila su 550mila le doone che partoriscono ogni anno in Italia a soffrire della depressione post-partum, praticamente,  una ogni sette di cui una ogni quattro si fa curare, rendendosi conto di ciò che sta subendo, il resto se ne vergogna e non ne parla, internalizzando tutti i malori di questo tipo di depressione. Secondo studi recenti chi soffre di depressione post- partum, viene colpita da sensazione di inadeguatezza verso l’infante, nella voglia di starsene da sola a poltrire e non “fare la mamma”e quindi nella voglia di solitudine, la donna è angosciata anche e soprattutto dal cambiamento del proprio corpo.Tutto questo sarà argomento di discussione al convegno organizzato da Strade Onlus, associazione per lo studio e il trattamento della depressione e Rebecca Fondazione in programma oggi a Roma, che ha lanciato un’app al riguardo: Rebecca Blues, un’app scaricabile gratis su smartphone e tablet ,  che rafforzerà il rapporto col proprio medico, mediante social network e permetterà alla neomamma di fare periodicamente dei test che arriveranno telelmaticamente allo stesso che agirà in merito.  Anche il ministro Lorenzin è intervenuta affermando che : “Bisogna riuscire a condividere un momento che è bellissimo, ma che presenta tante tante novità che ovviamente possono mettere in crisi in modo inusuale anche chi pensa che il proprio percorso sia molto più semplice e naturale”.


Tag:, , , ,