Le nuove speranze di guarire dalla cecità grazie alle cellule staminali embrionali arrivano da uno studio di 36 mesi condotto dalla Advanced Cell Technology e illustrato su Lancet. Il campione sotto osservazione per 36 mesi è stato composto da giovani con la distrofia retinica di Stargardt e anziani colpiti da una forma incurabile di maculopatia, entrambe comportano la cecità. I ricercatori in laboratorio hanno trasformato le staminali dell’embrione in provetta in cellule retiniche somministrando con iniezioni dosi diverse a seconda della gravità in un solo occhio del soggetto. Il risultato a dire dei 10 su 18 pazienti è stato sorprendente, mentre per altri i miglioramenti sono stati più limitati. Ma in tutto il periodo di osservazione non c’è stato nessun effetto colletarale e questo fa sì che la strada è proprio quella giusta. E pensare che in passato questo tipo di cellule  hanno avuto limitate applicazioni cliniche, per il timore che potevano dar luogo alla formazione di tumori , come i teratomi.


Tag:, , , , , ,