C’è aria di cambiamento nell’aria arriva Nida il primo network per i bimbi autistici.  La parola d’ordine sarà collaborazione. Tramite rete, infatti, i genitori potranno scaricare e compilare i diversi questionari da consegnare agli operatori durante le visite di valutazione presso le Unità di Neuropsichiatria Infantile. Inoltre, sul sito è presente  una pagina dedicata ai pediatri, insieme ai centri di Neuropsichiatria infantile, dei bambini ad alto rischio. Il network fa parte di un progetto dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) avviato nel 2011 che ha come obiettivo il miglioramento della tempistica della diagnosi, fondamentale per l’efficacia delle cure. Mentre precedentemente la diagnosi veniva fatta solo a due anni compiuti del bimbo, adesso  la priorità è  individuare alcune anomalie dello sviluppo già nei primi 18 mesi di vita con valore predittivo rispetto allo sviluppo di un Disturbo dello Spettro Autistico, definendo alcuni indicatori (pianto neonatale e della motricità spontanea, parametri auxometrici, valutazione dello sviluppo cognitivo, linguistico, adattivo e socio-comunicativo etc.).


Tag:, , , , , ,