Anche se la vita media si è allungata, non vale per il resto. Secondo uno studio dell‘Azienda ospedaliera universitaria di Padova coordinato da Carlo Foresta afferma che “l’organo sessuale dei giovani italiani è più corto di un centimetro rispetto ai coetanei della metà del secolo scorso”. In altre parole i nipoti rispetto ai nonni hanno perso un centimento dell’organo sessuale. Le cause sono da ritrovare negli stili di vita poco salutari, nei  fattori ambientali e nel tasso sempre più alto di obesità. Ma queste cause non riguardano solo i giovani, infatti a parere di Gabriele Antonini, urologo-andrologo dell’Università Sapienza di Roma, “il benessere porta anche patologie come il diabete e il colesterolo, che incidono sulla salute dei vasi sanguigni e possono causare uno stato di fibrosi dei corpo cavernosi dell’organo sessuale maschile”. E in particolare negli over 50, nei quali il naturale calo del testosterone si aggiunge una maggiore esposizione alle malattie croniche come obesità e diabete. Secondo il quotidiano inglese The Telegraph, queste ultime “influiscono sulla frequenza delle erezioni”.


Tag:, , , , ,