Quando si ha uno scopo nella vita si vive più a lungo. Infatti, secondo una ricerca della Mount Sinai School of Medicine perseguire uno scopo nella vita aiuta a vivere più a lungo, riducendo del 23% il tasso di mortalità per tutte le cause e del 19% il rischio di infarto e ictus. Più precisamente, la condizione psicologica di “andare in una direzione” per inseguire uno scopo finale farebbe in modo che il nostro cuore resistesse all’invecchiamento e si difendesse dai rischi di morte prematura per consentirci di raggiungere i nostri obiettivi esistenziali. Il cardiologo Randy Cohen, autore principale dello studio ha dichiarato: “Sviluppare e perfezionare il proprio senso di scopo nella vita può proteggere la salute del cuore e potenzialmente salvare la vita. La nostra ricerca dimostra che c’è una forte relazione tra l’avere uno scopo esistenziale e la protezione da eventi mortali e cardiovascolari. Quindi ciascuno dovrebbe porsi l’importante obiettivo di fissare uno scopo per il proprio benessere complessivo”.