Oggi 7 aprile si celebra la Giornata mondiale della salute e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha adottato come tema il diritto ad un cibo sicuro. Se il cibo è sicuro si evitano tante infezioni e malattie croniche, che per i Paesi sottosviluppati significano solo la morte certa. Lo slogan a tale proposito è: ‘I vostri alimenti sono davvero sicuri? Dalla fattoria al piatto, tutti avete un compito da svolgere!”. Secondo la direttrice dell’Oms, Margaret Chan, ”la produzione alimentare è stata industrializzata, il commercio e la distribuzione dei prodotti globalizzata ma questo cambiamenti positivi hanno creato anche molteplici occasioni di contaminazione degli alimenti, a causa di batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche.Un problema legato alla sicurezza del cibo e alla salute umana in una situazione locale può diventare velocemente una emergenza globale. La cosa è ancor più complessa quando l’alimento confezionato ha ingredienti che arrivano da vari Paesi”. Le stime del 2012 in merito alle infezioni enteriche sulle infezioni causate da virus, batteri e protozoi per alimentazione sono le seguenti: 582 milioni di casi stimati e 351 mila decessi associati. Ma l’OMS sottilinea oltre alle perdite umane, che vengono sempre al primo posto, anche perdite economiche in termini di aiuti umani, sanitari e delle aziende e industrie agricole che sono rispettivamente di 236 milioni di dollari e di 1,3 miliardi di dollari.

 


Tag:, , , , ,