Due farmaci già esistenti sul mercato da anni sono stati “riscoperti” come farmaci salvavita, più precisamente con effetti più che positivi per il cuore. Il primo e’ un farmaco contro l’artrite può essere la chiave per salvare la vita alle vittime di attacchi cardiaci. Lo scienziato cardiovascolare Sanjay Patel dell’Istituto di Ricerca Cardiaca dell’Università di Sydney, infatti durante la sua ricerca ha scoperto che il farmaco colchicina riduce la quantità di tre principali marcatori infiammatori, fra il 40 e l’88%. Mentre il secondo farmaco del costo di una sterlina e mezzo e in circolazione da 50 anni che potrebbe aiutare nei casi di pressione alta persistente. Si tratta dello spironolattone usato per la prima volta nel 1959 per la ritenzione dei fluidi. Lo studioso, Sanjay Patel, afferma che questo nuovo studio ha come obiettivo l’infiammazione mentre “La maggior parte dei trattamenti correnti mirano ad abbassare la pressione sanguigna, o a ridurre il colesterolo, o a diluire il sangue quindi questo è differente perché mira all’infiammazione, un obiettivo completamente nuovo”.


Tag:, , , , ,