Il reparto di pediatria del Children Hospital di Philadelphia ha condotto uno studio dal quale è emerso che a rischio ictus sono anche bambini e neonati, che possono riportare danni permanenti.